Agenda 2012, un anno nel segno del cambiamento

“La nostra sfida per il 2012 si concentra nel consolidamento della qualità organizzativa e nella crescita della nostra offerta di alta formazione in America Latina e in Africa”. Così scrive il presidente Uber Alberti nella presentazione della agenda 2012 del Cestas. Dodici mesi per conoscere le attività di formazione, cooperazione, advocacy ed educazione allo sviluppo realizzate dal Cestas.

Spazio anche ai volti e alle parole dei beneficiari dei progetti e di chi li ha resi possibili. Come la cooperatrice Margherita Dalla Casa, che dà la sua testimonianza dalla Namibia.

“Le Home based care givers sono sempre tutte donne, volontarie, una sorta di assistenti domiciliari attive a livello locale e comunitario, che portano prime cure alle persone infette o affette da Hiv/Aids e svolgono attività di prevenzione, sensibilizzazione, counselling, follow-up. Stanno lì, sedute sotto un albero per ripararsi da questo sole che ti brucia la pelle, e le vedi felici di questo incontro, ci accolgono sempre con canti di ringraziamento che ci trasmettono accoglienza e calore”.

L’agenda 2012 è stampata su carta riciclata certificata. È disponibile dietro un contributo di 20 euro, che sarà utilizzato per concorrere all’acquisto di un kit sanitario per l’assistenza delle persone con Hiv/Aids in Namibia.

Per informazioni:
Cestas, tel. 051 55053, e-mail cestas@cestas.org

Share