Cestas e Propuestas per l’imprenditoria femminile in Argentina

Alcune microimprenditrici del programma "Manos a la Obra"Arrivano nelle mani di 66 aziende i sussidi stanziati da Cestas e Fundaciòn Propuestas per favorire l’imprenditoria femminile: un aiuto concreto che giunge al termine di un percorso di formazione culminato nella presentazione di un business plan.

La consegna dei materiali e delle attrezzature richieste dalle imprenditrici è avvenuta lo scorso 27 maggio nel corso di un incontro nella sede della Fundaciòn Propuestas, a sud dell’area metropolitana di Buenos Aires.

Protagonisti dell’evento, 70 donne e 4 uomini, appartenenti a realtà impenditoriali al femminile. I sussidi vanno a favore di 66 imprese, delle quali 61 individuali e 5 di tipo associativo. Tra i settori più gettonati spiccano il comparto tessile (32 imprese), quello della gastronomia (16) e della parruccheria (12), ma non mancano all’appello domande per attività commerciali, di articoli da regalo, fotografia, artigianato e copisteria.

L’esperienza della riunione ha inoltre messo a disposizione delle imprenditrici uno spazio informale di incontro in grado favorire la creazione di reti di relazioni solide e la prosecuzione delle attività di formazione.

La collaborazione tra Cestas e l’ong Fundaciòn Propuestas, che da anni lavora per la formazione e l’integrazione delle donne nella società argentina, è attiva sin dal 2003, quando è nato il primo progetto per l’intermediazione lavorativa al femminile, denominato “Cem” e cofinanziato dal Ministero degli Affari esteri italiano. È invece partito nel 2006 il percorso di formazione finanziato dal Ministero delle Politiche sociali attraverso il piano “Manos a la Obra”, che ha riguardato 21 imprenditrici.

Share