Cestas in Perù per dare dignità alle comunità più povere

Coltivatori a JuninDare dignità alla popolazione più povera, tutelando i diritti alla salute, all’educazione e alla partecipazione. Sono questi i contenuti del nuovo accordo tra Cestas e il Fondo italo peruano, un’organizzazione istituita nel 2001 per sostenere lo sviluppo sociale ed economico del Perù.

Siglato lo scorso 22 marzo a Lima da Alejandro Vargas, direttore esecutivo di Cestas per l’America Latina, l’accordo prevede l’avvio di un progetto per promuovere lo sviluppo integrato del distretto di Pangoa, nella regione andina di Junín.

Il progetto durerà 24 mesi e coinvolgerà 14 comunità: nove appartengono al territorio di Pangoa, cinque a quello di Mazamari. L’obiettivo? Contribuire alla riduzione delle situazioni di povertà estrema della popolazione indigena e colona, concentrandosi sulle relazioni di genere, sui rapporti intergenerazionali e sulla promozione dei diritti.

In particolare, il progetto si svilupperà secondo tre linee di azione: l’istruzione, la salute e il rafforzamento delle istituzioni in senso partecipativo. Beneficiari finali saranno le 2.491 donne e i 2.718 uomini delle comunità interessate.

Share