• 26 novembre 2014

Cile, il Cestas insieme a Fosis contro la povertà

C’era anche la direttrice di Cestas Cile Yanett Burgos alla cerimonia che si è tenuta a Concepción per il ventiquattresimo anniversario del Fosis, il “Fondo de solidaridad e inversión social” creato nel 1990 dal governo per combattere la povertà e ridurre le disuguaglianze attraverso la responsabilizzazione sociale e il sostegno all’imprenditorialità e al lavoro.

All’incontro hanno partecipato circa 300 persone che hanno creato un’impresa grazie ai programmi realizzati nell’ambito del Fosis in 54 comuni della Regione del Bío Bío. Con loro anche il sottosegretario allo Sviluppo sociale Juan Eduardo Faúndez, che ha tenuto a sottolineare lo sforzo del governo per “costruire una società più inclusiva, dando alle famiglie strumenti concreti per migliorare la loro condizione sociale”.

La dimostrazione di quello che fa il Fosis l’ha data uno dei beneficiari, Gearson Cardoza: “Qualche tempo fa ho perso il lavoro e non mi è rimasto più nulla, neanche la speranza di una vita migliore. È stato allora che ho deciso di fare qualcosa di diverso: amando molto la cucina, con il sostegno del Fosis sono riuscito ad aprire un locale di sushi etnico”.

“Siamo consulenti del Fosis dal 2000 e ogni anno realizziamo programmi rivolti complessivamente a 1500 utenti – spiega Yanett Burgos del Cestas –. Solo nel 2014 ne abbiamo seguito circa 1200 persone e più di 100 famiglie hanno beneficiato delle attività per l’autoimprenditorialità realizzate nei diversi comuni della regione del Bío Bío”.