Continua la campagna Sblocchiamoli: cibo, salute e saperi senza brevetti

È disponibile online il terzo numero della newsletter della campagna di informazione e advocacy Sblocchiamoli contro la registrazione di brevetti su farmaci e sementi e per la libera fruizione del patrimonio alimentare e naturale da parte di tutti.

La newsletter fa il punto sulle attività più recenti della campagna, lanciata da un gruppo di ong (tra cui il Cestas) e di enti locali e nazionali: dalle tende di “Occupy Wto”, montate nel freddo inverno di Ginevra davanti ai palazzi dell’Organizzazione mondiale del commercio durante i negoziati di Doha, al presidio guidato da Via Campesina che il 20 ottobre ha piantato un albero di fronte alla sede dell’Upov (Unione internazionale per la protezione delle nuove varietà vegetali) nel centro della città svizzera.

Una sintesi ripercorre, invece, le tappe che hanno animato il viaggio della campagna Sblocchiamoli tra Italia e Spagna: seminari universitari e spettacoli teatrali, convegni e mostre fotografiche, proiezioni di video e concerti, per coinvolgere studenti e cittadini sui temi della biodiversità e della sopravvivenza dei piccoli agricoltori. Al via anche nuove collaborazioni che la campagna Sblocchiamoli ha avviato con partner italiani ed europei per evitare che siano mercificati i diritti alla salute, alla biodiversità e all’agricoltura libera.

Per saperne di più:
il sito della campagna Sblocchiamoli
l’ultimo numero della newsletter

Share