Dal Cestas al Ministero: congratulazioni Cecilia!

È una storia all’insegna dell’impegno, della volontà, della solidarietà e dei diritti di tutti quella di Cecilia Vaca Jones, il nuovo ministro allo Sviluppo sociale dell’Ecuador. Una storia di successo, personale e professionale, in cui anche in Cestas ha la sua parte.

Cecilia Vaca Jones è stata infatti studentessa della seconda edizione del master in Politiche sociali per lo sviluppo del territorio organizzato dal Cestas insieme all’Università di Bologna, che ha frequentato grazie a una borsa di studio del ministero degli Affari esteri italiano. Non solo, perché per il Cestas ha coordinato la Rete andina dei centri di salute materno-perinatale in Argentina, Perù, Bolivia ed Ecuador.

Dopo una carriera nelle istituzioni ecuadoriane (è stata viceministro, sottosegretaria e direttore dei ministeri dell’Istruzione, dell’Inclusione economica e sociale e delle Relazioni sindacali), lo scorso 8 maggio Cecilia Vaca Jones è entrata nella nuova squadra di governo del presidente Rafael Correa.

“La nomina di Cecilia al ministero dello Sviluppo sociale è una bellissima notizia, a nome di tutto il Cestas mi congratulo con lei per la splendida carriera e per il costante impegno al servizio degli altri” commenta il presidente del Cestas Uber Alberti.

“Siamo orgogliosi di aver fatto parte della sua formazione e del suo percorso professionale – continua Alberti – e speriamo che questa nuova sfida possa essere di successo per lei, per il suo Paese e soprattutto per le fasce di popolazione più deboli dell’Ecuador”.

Ciclista appassionata e da sempre in prima fila contro le disuguaglianze sociali, come si legge nel suo profilo su Twitter, Cecilia Vaca Jones ha un solido background accademico, sviluppato tra Italia, Stati Uniti ed Ecuador. Parla spagnolo, italiano, inglese e francese, e anche un po’ il quecha, la lingua nativa del versante occidentale del sud America.

Nel suo curriculum anche docenze universitarie alla Pontificia Universidad Católica dell’Ecuador, consulenze all’Organizzazione degli Stati americani e al Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, ma anche tanto volontariato a fianco di bambini, adolescenti, giovani, donne, anziani, disabili e famiglie più vulnerabili.

Share