• 11 luglio 2014

Fores – Fortaleciendo las redes de salud

Il progetto prevede la realizzazione di percorsi didattici per la formazione specializzata degli operatori sanitari e il potenziamento della rete dei servizi di salute, in modo da incentivare la popolazione a rivolgersi ai centri di cura primaria. Le attività si svolgono in 115 municipi dei sei dipartimenti più popolosi della Bolivia, quelli di La Paz, Oruro, Potosí, Cochabamba, Santa Cruz e Sucre. All’interno di ospedali e policlinici universitari sono allestiti sei centri di formazione per lo sviluppo delle competenze mediche in tema di salute materno-infantile. In ogni centro, attrezzato con le più moderne tecnologie didattiche (lavagne e schermi multimediali, software per la didattica e connessione a internet), è possibile fare esercitazioni con un simulatore di parto di ultima generazione. Inoltre, si sono organizzati 48 corsi di aggiornamento e di alta formazione – declinati in 432 eventi formativi, per un totale di quasi 67mila ore di lezioni e laboratori – sui contenuti della politica nazionale sanitaria Safci (Salute familiare comunitaria interculturale), sui principi e i metodi della continuità delle cure e sulle norme che definiscono la qualità dell’assistenza clinica:. Le persone formate sono in tutto 1.560 (di cui il 65% sono donne) tra medici e infermieri, dirigenti e funzionari del ministero della Salute. A questi si aggiungono i 30 alti funzionari del ministero della Salute che hanno partecipato al diploma universitario da 500 ore in “Organizzazione e gestione dei servizi socio-sanitari territoriali” realizzato con l’Università di Bologna. Grazie a queste iniziative sono aumentate di circa il 64% le competenze e le conoscenze utili per il lavoro, con punte del 173% per il corso sulla continuità delle cure. Fondamentale nel processo di formazione è anche la creazione di una piattaforma online, che ha permesso al ministero della Salute di dotarsi di un campus virtuale (con 15 corsi in modalità e-learning, altrettanti e-book disponibili su Apple Store e su Google Play, esercitazioni e simulazioni interattive), che permette l’aggiornamento continuo degli operatori sanitari.

Periodo di attuazione: maggio 2013 – dicembre 2013

Ente finanziatore: Bid (Banco interamericano de desarollo)

Budget totale: 1.200.000 dollari

Ruolo di Cestas: capofila

Partner del progetto: ministero della Salute della Bolivia

Sito web: www.foresbolivia.org

Pubblicazioni: iTunes

Testimonianze

cooperazione-julia-johannsen

Trasformare le risorse umane

Dra. Julia Johannsen – Especialista Senior Protección Social BID – Progetto FORES

“Per migliorare il sistema sanitario abbiamo bisogno di trasformare le risorse umane, e qui un elemento chiave è quello di creare un meccanismo per la formazione medica continua e permanente che consenta a queste risorse prima di aggiornarsi e poi di ricevere costantemente contenuti formativi, in linea con le novità che vengono realizzate nel sistema. Storicamente è la prima volta che il Ministero della Salute ha una struttura di formazione così completa, non solo focalizzata sullo sviluppo di conoscenze del sistema da parte del personale, ma anche sullo sviluppo delle competenze personali”.

cooperazione-liz-tovar

Ridurre la mortalità infantile

Ms. LIZ F. TOVAR – Coordinatrice nazionale della logistica – Progetto FORES

Il progetto FORES di formazione del personale sanitario è parte di una più ampia e importante azione globale. Cercare di ridurre la mortalità infantile e la malnutrizione cronica sono obiettivi inseriti in una serie di progetti che la BID sta finanziando nel settore sanitario in Bolivia, tramite la concessione di prestiti ma anche con donazioni dirette a sostenere l’intero sistema dei rete globale.”

FORES è costituito da un team di professionisti tra cui sociologi, educatori, antropologi e medici. Il progetto Fores attraverso il CESTAS, società esecutiva, in questa fase iniziale ha formato 1518 professionisti della salute, di cui 525 sono uomini e 993 sono donne tra i 20 e 46 anni e oltre, divisi in 48 gruppi, in sei dipartimenti tra medici, infermieri professionisti e ausiliari.