Health heroes, fa tappa a Roma la mostra con volti e storie degli eroi della salute

Health Heroes_Laxmi MohantaDopo il successo degli appuntamenti di Torino e di Firenze, arriva a Roma la mostra interattiva “Health heroes”, che racconta le storie di educatori, medici, infermieri, ostetriche e funzionari pubblici di tutto il mondo che combattono quotidianamente la battaglia per il diritto alla salute delle loro comunità.

La mostra, che ha lo scopo di promuovere la conoscenza dei tre Obiettivi di sviluppo del millennio dedicati alla salute e di sollecitare l’impegno dei Governi europei, sarà inaugurata il prossimo 13 luglio, in occasione dell’atteso concerto di Elton John, da lungo tempo attivo sostenitore della lotta all’Hiv/Aids. Si potrà visitare l’esposizione fino al 20 luglio, per l’intera durata dell’importante appuntamento annuale della Conferenza mondiale sull’aids dell’International Aids Society, ospitata presso l’Auditorium Parco della Musica dal 17 al 20 luglio.

L’appuntamento romano di “Health heroes” è curato dalla ong Iscos Cisl, che da oltre venticinque anni è presente con progetti di sviluppo in diverse aree del mondo ed è capofila del progetto “Health for all!”, cofinanziato dalla Commissione europea e realizzato in collaborazione con Aidos, Celim, Cestas, Medici con l’Africa Cuamm, Oxfam Italia, Ccm e Osservatorio italiano sull’azione globale contro l’Aids.

Nel 2000, in occasione del Vertice del Millennio delle Nazioni Unite, i leader mondiali si sono impegnati a raggiungere entro il 2015 otto Obiettivi per sconfiggere la povertà estrema e per rendere il diritto allo sviluppo una realtà per ogni essere umano. I tre obiettivi del millennio dedicati alla salute – ridurre la mortalità infantile, migliorare la salute riproduttiva e materna, combattere l’Hiv/Aids, la malaria e altre gravi malattie – sono quelli in cui il progresso procede più lentamente.

La mostra “Health heroes” sostiene la firma della petizione online lanciata dal network europeo di ong Azione per la salute globale, per spingere i governi a impegnarsi a favore del diritto alla salute in tutto il mondo. La petizione ha già trovato il sostegno delle senatrici Francesca Marinaro e Rita Ghedini e di numerose organizzazioni della società civile italiana.

Share