È firmato Cestas il master preferito dagli studenti dell’Università di Bologna

Studenti del master in sviluppo sostenibileVoti alti per l’ottava edizione del master di secondo livello in Politiche sociali e direzione strategica per lo sviluppo sostenibile del territorio, promosso dal Dipartimento di Sociologia dell’Università di Bologna e gestito dall’ong Cestas. Nell’opinione degli studenti, il percorso post-laurea dedicato alla formazione di manager, professionisti e operatori per lo sviluppo territoriale e la promozione della piccola e media impresa, ottiene un gradimento superiore agli altri master bolognesi per organizzazione, strutture, attività didattica e stage.

A porre il master (che in otto anni ha formato 204 studenti) in cima alla classifica dei corsi post-laurea organizzati a Bologna è un’indagine sulla qualità didattica dell’anno 2009/2010 realizzata da Aform – Settore Quality Assurance dell’Università bolognese. Tra novembre 2010 e luglio 2011, 988 studenti, pari a circa l’80% degli iscritti ai 54 master dell’ateneo, hanno valutato il proprio percorso di studio rispondendo ad interviste telefoniche e sul web.

“I risultati del questionario, somministrato a 9 mesi dalle fine del percorso didattico – dice il presidente dell’ong Uber Alberti –, dimostrano come l’offerta formativa proposta e gestita da Cestas rappresenti un’opportunità unica per gli allievi di sviluppare risorse chiave per uno sviluppo personale e professionale. Il Master – continua Alberti – si è sempre basato su un investimento reciproco fra Cestas, studenti e Ministero degli Affari esteri, e sulla condivisione di una prospettiva di medio e lungo termine, che si riflette nei più che positivi risultati ottenuti”.

Il master in Politiche sociali e direzione strategica per lo sviluppo sostenibile del territorio (che dura 1600 ore, con lezioni su istituzioni e programmi di cooperazione, ricerca sociale, demografia, distretti agroalimentari, politiche internazionali e del lavoro, metodi e tecniche per l’ideazione e l’esecuzione di programmi di sviluppo territoriale) è ritenuto altamente professionalizzante da chi lo ha frequentato: quando è stato chiesto se avessero scelto il master spinti dalla possibilità di acquisire competenze professionali, il 100% degli studenti ha risposto “decisamente sì”, (contro una media dell’83,1% per gli altri master dell’Ateneo bolognese). Importante anche la prospettiva di un inserimento diretto nel mondo del lavoro (“decisamente sì” per l’85% degli iscritti, contro una media del 73,1%).

Promossi a pieni voti i servizi amministrativi, di cui è soddisfatto il 90,5% degli studenti (l’88,3% per gli altri master) e la didattica: secondo il 95,3% degli iscritti, gli argomenti sono stati trattati in modo esauriente ed efficace (contro una media dell’80,5%). Stesso indice di gradimento per il materiale didattico, adeguato per il 95,3% degli iscritti (il 74,8% in media).

Sono piaciuti anche il servizio di tutorato, adeguato secondo l’81% degli iscritti (in media il 76,1%), e la modalità dello stage: la formula che prevede 300 ore di attività presso enti locali, ong, organizzazioni internazionali, centri di ricerca e organismi di microcredito, è gradita sia dal punto di vista organizzativo (80% degli iscritti, 73,7% per gli altri) sia per il lavoro svolto (81%). Il 76,2% degli studenti risponde positivamente alla domanda sull’adeguatezza delle conoscenze acquisite (in media con gli altri master) e l’80% degli iscritti (contro una media del 71%) ritiene che il percorso svolto possa facilitare l’inserimento professionale.

Per saperne di più:
il sito del Campus virtuale Cestas