• 21 luglio 2014

MOZAMBICO – Donne in Zambézia e a Maputo: dalla prevenzione di Hiv/Aids alle pari opportunità

Il progetto ha contribuito alla lotta all’Hiv/Aids a Maputo e nella provincia della Zambézia, con particolare attenzione alla prevenzione della trasmissione materno-infantile e al contrasto alla violenza verso le donne. Operatori e operatrici dell’Ospedale generale di Mavalane a Maputo e del Centro antiviolenza di Quelimane (Zambézia) sono stati formati sui temi della prevenzione Hiv/Aids come fenomeno strettamente legato alla violenza di genere, sulla prima accoglienza nei casi di abusi e violenze, sulla prevenzione della trasmissione materno-infantile. Infine, è stato sostenuto il centro antiviolenza di Quelimane. I beneficiari diretti delle attività sono stati 15 operatori sanitari, 30 amministratori pubblici ed agenti di polizia, 6 operatori radio di almeno 6 distretti della Zambézia. Inoltre indirettamente hanno beneficiato del progetto 20.000 persone destinatari delle campagne e trasmissioni radio, almeno 4000 persone identificate come possibili fruitori degli spettacoli teatrali e 800 giovani delle comunità coinvolte nelle attività di comunicazione.

Periodo di attuazione: marzo 2009 – marzo 2010

Ente finanziatore: Regione Emilia-Romagna

Budget totale: € 39.740

Ruolo di Cestas: Partner

Partner del progetto: Arci/Arcs (capofila), Associazione differenza maternità, Associazione gruppo donne giustizia, Associazione Udi (Unione donne in Italia), Comune di Modena, Ufficio cooperazione e solidarietà internazionale, Associazione donne nel mondo, Nafeza, WLSA