Non profit e web 2.0, chiusa con successo la seconda edizione del corso online

Quasi cinquanta studenti formati in due anni su come strumenti e applicazioni web 2.0 possano essere utili per il terzo settore e le associazioni di volontariato. Con la lezione di Bruno Conte, manager fortemente impegnato nel non profit e con una lunga esperienza nel settore Ict, si è chiusa con successo la seconda edizione del corso Il non profit ai tempi del web 2.0: nuovi strumenti gestionali per il terzo settore.

Promosso all’interno del progetto EuropAid da Cestas e Regione Marche in collaborazione con Informatici senza frontiere e con la società di giornalismo e comunicazione Agenda, il corso ha riscosso grande interesse per le materie trattate, come dimostrano i ventuno partecipanti provenienti da diverse associazioni ed Enti locali marchigiani.

Il corso ha infatti offerto una panoramica degli strumenti per operare efficacemente con il web 2.0, per gestire risorse umane e progetti di volontariato e di cooperazione, ma anche per promuovere campagne di comunicazione, di advocacy e attività di fundraising, ormai essenziali per tutti coloro che lavorano nel non profit.

Durato tre mesi, il corso si è svolto prevalentemente con una modalità didattica digitale: fatta eccezione per alcuni incontri ad Ancona, le lezioni si sono tenute su una piattaforma online, in cui erano disponibili video, materiali di studio, forum per favorire l’interazione e la comunicazione tra classe e docenti, ma anche strumenti per applicare nel concreto quanto studiato.

Share