• 23 novembre 2015

Sviluppo rurale, primi giorni in Italia per i professionisti del Pakistan

Si è aperto con una cerimonia ufficiale al Centro residenziale universitario di Bertinoro (Ceub) il viaggio studio in Italia del primo dei cinque gruppi di professionisti pakistani beneficiari del nuovo progetto Cestas mirato alla riduzione della povertà in Pakistan attraverso la formazione e lo sviluppo agricolo, realizzato in collaborazione con il Ceub e l’Emuny University.

Sedici le persone – 13 uomini e 3 donne – che fino a venerdì 27 novembre potranno visitare alcuni centri di eccellenza del settore agroalimentare e naturalistico dell’Emilia-Romagna e anche della Toscana. Ad accompagnarli, un team composto da 7 esperti in materia di sviluppo imprenditoriale, politiche agricole, protezione ambientale ed energie rinnovabili, incaricati anche di tenere lezioni in aula.

Intenso il programma del soggiorno, che già nelle prime giornate ha portato il gruppo a visitare, tra gli altri, il Polo di Tebano a Faenza per l’innovazione in agricoltura, il Parco delle Foreste Casentinesi in provincia di Arezzo, la Coldiretti a Forlì e la società agricola Bertozzi. E poi la Centrale del latte di Cesena, un’azienda storica dell’avicoltura come la “Del Campo” del gruppo Amadori e un laboratorio integrato all’insegna della ruralità come le Fattorie Faggioli. Dall’Appennino alla riviera, un viaggio tra sapere e sapori per conoscere quelle realtà che fanno sviluppo a partire dall’agricoltura e dalla protezione dell’ambiente.