• 8 novembre 2013

Tanzania: in arrivo corsi di inglese per 40 giovani

TanzaniaDurerà un anno e coinvolgerà 40 ragazzi del Chogo, in Tanzania. Lo scopo è quello di insegnare ai giovani, tutti adolescenti, l’inglese. È questo il nuovo progetto del Cestas “Corsi di inglese per migliorare l’accesso alla scuola secondaria”, finanziato dalla Tavola Valdese nell’ambito dei fondi dell’8×1000. Ma perché proprio l’inglese? Non tutti i giovani possono studiarlo ma l’apprendimento della lingua risulta fondamentale per proseguire gli studi dato che, la sua conoscenza, diviene indispensabile a partire dal terzo anno di scuola secondaria. Un gap, questo, che verrà colmato durante un anno (a partire dall’inizio del 2014) e che coinvolgerà due insegnanti provenienti dai paesi vicini, come Kabuko o Handeni, e un coordinatore che supervisionerà il corretto svolgimento dei corsi, che si terranno anche durante il periodo estivo.

Inglese e non solo però. Questo tipo di progetto infatti avrà una ricaduta enorme, al di là del numero dei beneficiari diretti della formazione, sullo sviluppo e sul futuro della comunità. Poiché i ragazzi e le ragazze che studiano sono quelli che possono trovare più facilmente un lavoro, possono mantenere non solo se stessi, ma anche i genitori e i membri delle famiglie allargate, permettendo così anche ai più giovani di studiare. Garantire l’istruzione secondaria delle ragazze ha un ulteriore impatto sullo sviluppo nelle famiglie: è ampiamente dimostrato statisticamente che il benestare degli individui dipende grandemente dalla istruzione delle madri. Pertanto “Corsi di inglese per migliorare l’accesso alla scuola secondaria” ha un impatto esponenziale sullo sviluppo del villaggio stesso. La popolazione alla quale si indirizza il progetto è costituita da rifugiati Zigula e Shanbara della Somalia che sono stati reinsediati a Chogo nel 2003 (che oggi conta circa 3000 persone), dopo aver vissuto come rifugiati nel villaggio di Mkuiu (dal 1992).